Turismo Atiende turismoatiende@sernatur.cl
 +56 2 27318337    +56 9 9458 0453
Le Rotte del Vino in Cile sotto lo sguardo dei turisti brasiliani

Le Rotte del Vino in Cile sotto lo sguardo dei turisti brasiliani

Da:: Gabriela Salina - 28 Dicembre, 2021

Il Cile resta tra uno dei nostri paesi preferiti. A inizi del 2019 abbiamo fatto un road trip e abbiamo attraversato il paese da nord a sud, visitando regioni conosciute ed esplorando nuovi paesaggi. Da buoni amanti del vino quali siamo, abbiamo vissuto alcuni dei migliori momenti di questo viaggio nelle Rotte del Vino in Cile. 

Abbiamo già avuto l’opportunità di conoscere molti posti meravigliosi nel mondo. Ma da Atacama alle Torri del Paine, ci siamo imbattuti in bellezze naturali incredibili e in infrastrutture turistiche perfette. 

Il paese possiede perimetri naturali che propiziano ottime condizioni per la viticoltura. Con la cordigliera delle Ande ad Est, Il Pacifico ad Ovest, il Deserto di Atacama a nord e la Patagonia al Sud, il centro del Cile ha un clima privilegiato e si trova isolato da eventuali parassiti. Inoltre, ci sono dei vantaggi che fanno si che i prodotti abbiano un eccellente rapporto costo-beneficio, come le tasse basse e il valore ridotto dei terreni se comparati alle vigne d’Europa o degli Stati Uniti. 

L’uva più caratteristica Cilena è la Carménère. Originalmente francese, si è estinta decenni fa dai suoli del paese d’origine ed è stata riscoperta in territorio cileno a inizi degli anni ’90. Anche Cabernet Sauvignon, Syrah e Malbec sono ceppi molto coltivati nel paese più sviluppato del Sud America. 

Dopo grandi investimenti negli ultimi decenni per sviluppo della qualità dei suoi vini, attualmente, il Cile è in rilievo nel mercato internazionale come un grande produttore ed esportatore di questa bevanda; l’enoturismo, dal suo canto, gioca anche esso un ruolo di rilievo sulla carta, attraendo visitatori da tutto il mondo. 

La migliori vigne cilene sono ben strutturate per accogliere visitatori. Con vari tipi di tour e degustazioni, colpiscono gradevolmente anche chi non è amante del vino. Inoltre, alcuni dei migliori hotel e ristoranti delle regioni fanno parte dei complessi di queste vigne. Abbiamo avuto esperienze indimenticabili e vogliamo condividere con voi alcune di queste. 

Valle del Maipo

La Valle del Maipo è a solo 40 km. dal centro di Santiago e ospita la maggior parte delle vigne cilene. Si tratta di una gita imperdibile partendo dalla capitale, che oltre alle bellezze naturali della regione, offre anche tour molto interessanti.  

E’ il caso di Cocha y Toro, la più tradizionale e conosciuta tra di noi brasiliani. Con un’ampia gamma di etichette, dalle più semplici e le più elaborate, conquista tutti gusti e tutti i portafogli! 

Tra i vini più premiati, si trova l’eccellente Don Melchor, uno dei nostri preferiti. All’interno della sua eccellente struttura, offre vari tipi di esperienze. Almaviva, vigna creata in associazione con la francese Baron Philippe de Rothschild, produce anche essa vieni di ottima qualità, come il Epu e l’Almaviva stesso.  

Valle di Casablanca

A metà strada tra la capitale e Va del Mar, il Valle di Casablanca si può fare un’altra gita andata e ritorno perfetta partendo da Santiago. A solo 100 km, ci sono le condizioni perfette per la coltivazione di Chardonnay e Sauvignon Blanc. Motivo per il quale in questa regione predomina la produzione di vini bianchi, anche se le vigne cilene sono conosciute principalmente per la qualità dei suoi rossi. 

Abbiamo fatto un tour in Quintay, Indómita Matetic, dove abbiamo partecipato ad una lezione sul processo produttivo di vini organici e biodinamici. Siamo rimasti piacevolmente impressionati da tutta la struttura della vigna e dalla sua bellezza. In totale di più di 10.000 ettari sono presenti una struttura turistica impeccabile e vini eccellenti. Loro offrono varie esperienze, tra cui camminate e passeggiate in bicicletta. Anche le degustazioni sono distinte, in quanto possono essere realizzate sul balcone con vista sui vigneti o nella bellissima sala sotterranea di degustazioni. 

Valle di Casablanca

Per concludere, abbiamo conosciuto il ristorante del complesso, il Equilibrio, a pochi kilometri dalla sede. In un ambiente di pace e tranquillità, i tavoli sono posizionati con vista su un lago e su dei giardini molto curati. Il nostro pranzo è stato perfetto in ogni dettaglio, con piatti deliziosi e abbinati armonicamente a ottimi vini della casa. A complementare la struttura, il sofisticato Hotel La Casona, possiede 10 amplie suites, situate nell’antica casa della proprietà. 

Siamo tornati innamorati della regione e abbiamo già una lista di vigne da visitare in futuro. Tra queste Emiliana, Casas del Bosque, Viña Mar, Quintay, William Cole e Indómita. Abbiamo definitivamente bisogno di ritornare con più calma! 

Valle di Colchagua 

Un po’ più distante da Santiago, vi è una regione vinicola meno frequentata dai brasiliani, ed è stata quella che più ci è piaciuta. Sarà la bellezza naturale, la qualità dei vini e le strutture delle vigne, chi conosce Colchagua avrà sempre ottimi motivi per tornare. Noi abbiamo visitato sei vigne e sappiamo comunque che c’è ancora molto da esplorare.  

Casa Silva, tra le più antiche e premiate vigne di Cile, produce alcune delle nostre etichette preferite. Si tratta di equilibrio tra tradizione e modernità, rispetto della sua storia e delle origini. Il tour presenta un giro dei vigneti, il processo produttivo e altre due passioni dei proprietari: i cavalli e le auto d’epoca. Completano la visita, l’eccellente ristorante e l’elegante hotel sito nell’antica casa di famiglia. 

Clos Apalta riceve i suoi visitatori con la stessa attenzione con cui prepara i suoi vini organici, riconosciuti tra i migliori del mondo. Ti impressiona per l’architettura per la sua attenzione in ogni punto di interazione con i visitatori. Essa possiede un hotel boutique e un ristorante sensazionale dove abbiamo avuto uno dei migliori e più armonici pranzi della vita! Tutti e due hanno una vita dall’alto verso i vigneti e fanno svegliare in te il desiderio di rimanere li sempre po’ di più. 

Valle di Colchagua

Viu Manent, la più visitata dai brasiliani, rende giustizia alla sua buona fama. Oltre a produrre eccellenti vini, propone una vera lezione di storia e viticoltura nei suoi tour. Come se non fosse abbastanza, ospita uno dei migliori ristoranti della regione: il Rayuela. Le sue vetrate con vista verso i vigneti e i suoi dintorni, completano perfettamente questa esperienza speciale. Senza dimenticare che le loro portate sono deliziose! 

Neyen ci piace non solo per i suoi vini, ma anche per la sua struttura. Risalta l’armonia tra le costruzioni e i vigneti centenari con installazioni contemporanee. Tra molte informazioni interessanti, durante il tour, ci hanno insegnato a identificare l’uva dal tipo di foglia. Alla fine, una degustazione diversa armonizzata con cioccolato semi amaro. Sorprendentemente delizioso! 

Conoscere la Vigna Montes fa parte della lista dei desideri di ogni appassionato di vini. Tra le migliori vigne del Cile, è stata una delle pioniere nel processo di modernizzazione e perfezionamento dei vini del paese. 

Con valutazioni superiori a 90 punti, le sue etichette sono esportate in più di 100 paesi. Oltre a passeggiare nei loro bellissimi vigneti, vale la pena visitare la bottega, dove i loro vini invecchiano in barili di quercia a suon di canti gregoriani. Consigliamo di far conciliare la passeggiata con un pranzo in Fuegos de Apalta, ristorante specializzato in carne gestito dal rinomato Chef Franci Mallman. 

Per concludere le visite alle vigne del Cile in modo spettacolare, siamo andati a la Vigna Santa Cruz. Come loro descrivono, si tratta di un’esperienza magica di un corpo e anima dentro una vigna. Il corpo sono i suoi vigneti e la bottega, mentre l’anima è rappresentata dal loro tributo alle culture preispaniche. Oltre le loro installazioni molto belle, ci sono numerose opzioni per ogni aspettativa e gruppo. 

Da tour familiari a quelli romantici per coppie, potrai scegliere tra attività come hiking, giri in carrozza trainata da cavalli, funivie, moto d’epoca, tra molti. E’ possibile fare anche un tour nel Centro Astronomico del complesso. Senza dubbio, il finale dovrà essere coronato dalla degustazione di alcuni dei migliori vini della casa. Il ristorante Viña Santa Cruz, che offre alcune specialità cilene con tocco gourmet, è tra uno dei migliori della regione. 

Quando visitare le vigne in Cile

Queste mete possono essere visitate tutto l’anno e in ogni stagione scoprirai incanti diversi. Primavera e autunno portano il colore delle foglie di vite. Mentre nella stagione dei fiori predomina il tono del verde, nell’altra ci saranno colorazioni rosse e gialle. Il freddo dell’inverno e le montagne coperte di neve svegliano un clima propizio per le degustazioni e il romanticismo. L’estate porta, oltre alte calde temperature, vita e sapore. E’ l’epoca della vendemmia, l’inizio del raccolto, quando le viti sono piene d’uva e c’è una festa per celebrare il raccolto. 

Riassumendo, troverai sempre un buon motivo per farti incantare dalle rotte delle vigne del Cile in ogni stagione. Nonostante abbiamo conosciuto molte vigne, abbiamo una lista pronta per esplorare nuove regioni e questo ci motiva a organizzare i nostri prossimi viaggi. 

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo:


Articoli che potrebbero interessarti